ALIMENTAZIONE NEGLI SPORT DI RESISTENZA

L’endurance muscolare e’ l’abilita’ di un muscolo o di un gruppo di muscoli di sviluppare in modo ripetitivo o mantenere la forza senza sentire lo stato di affaticamento.

Visto l’elevato grado di impegno fisico e mentale richiesto, gli sport di endurance necessitano di un piano alimentare ben strutturato, poiché un’alimentazione ottimale è alla base non solo di una performance ottimale, Una non adeguata assunzione di calorie in un atleta può condurre a:

  • perdita di massa muscolare,

  • perdita dei regolari cicli fisiologici (circadiano, mestruale ecc
    ecc)

  • perdita o impossibilità ad incrementare densità minerale ossea,

  • aumentato rischio di fatica,

  • aumentato rischio infortuni e malattie.

per lo sportivo di endurance i macronutrienti più importanti sono i glucidi, o carboidrati, per via della facilità di assimilazione e del poco impegno digestivo che comportano.

I sali minerali sono ugualmente necessari poiché chi pratica sport di resistenza manifesta una perdita superiore alla norma di sodio e cloro, soprattutto con la sudorazione, e di potassio attraverso le urine, tutte perdite che avvengono nel maggiormente nella prima parte del gesto atletico.

Un altro obiettivo da perseguire è quello di costruire delle adeguate riserve di glicogeno muscolare per non andare in debito di energie già a metà gara.

Nello stesso tempo l’alimentazione deve essere in grado di prevenire il calo degli zuccheri, molto frequenti dopo un pasto “fai da te”, nonché i classici disturbi gastrointestinali tipici di chi improvvisa l’alimentazione.

L’alimentazione è parte integrante dell’allenamento dell’atleta e un’attenta pianificazione, con una corretta valutazione dell’introito alimentare, può determinare una sostanziale differenza tra una buona gara e una performance di alto livello: per questo è bene affidarsi sempre a un professionista abilitato.